0

Cosa scegliere tra seggiolino da tavolo o alzasedia.

I dilemmi, quando si parla di bambini e di accessori per neonati, sono tanti. Superate le prime tappe, arriva il momento delle prime pappe, e quindi del seggiolone.

A casa, oppure fuori, è meglio il seggiolino da tavolo oppure l’alzasedia? Qual è il più sicuro? E soprattutto: quale utilizzerete di più nel tempo?

Ne esistono alcuni che crescono insieme al vostro bambino, passando da seggiolone, poi sedia alta a infine sedia.

I pro e i contro sono tanti. Di sicurezza per l’alzasedia, specie se il vostro bambino ha la tendenza a “fuggire” mentre mangia, e di ingombro per il seggiolino. Inoltre, andando a cena fuori casa, può succedere che non siano compatibili con il piano del tavolo. Il consiglio comunque è di partire fin da subito, quando il piccolo inizia lo svezzamento e inizia a stare seduto da solo.

L’alzasedia.

L’alzasedia di solito viene utilizzato da bambini un po’ più grandicelli. Molto utile, specie quando si va a cena fuori. Infatti, spesso e volentieri, i tavoli dei ristoranti sono molto leggeri e applicando il peso di un seggiolino si rischiano pericolose impennate. Inoltre, sono adattabili alla maggior parte delle sedie. Risulta infatti essere comodissima e regolabile in altezza, su qualunque sedia.

Il seggiolino da tavolo.

E’ importante che abbia alcune caratteristiche, ovvero che sia richiudibile e portatile, per tutte le occasioni fuori casa. Fai però attenzione che sia adatto al peso e all’età del tuo bambino. Controlla i limiti di peso, prima di acquistarlo.

Se vuoi provare a risparmiare un po’, prova a dare un’occhiata ai siti specializzati che si occupano della vendita seggiolini da tavolo online.

Quali caratteristiche deve avere il seggiolino da tavolo.

E’ importante che abbia cinture di bloccaggio, un ripiano regolabile, un vassoio removibile e lavabile, perché il vostro bimbo si divertirà un mondo a lanciare cibo ovunque. Inoltre, che la seduta e lo schienale siano regolabili, una cintura di ritenuta, uno spartigambe e un’imbottitura lavabile.

E voi, cosa consigliate?

0

Il bagnetto, quando e come farlo.

Il bagnetto di un neonato è un momento molto importante, sia per il bimbo che per i genitori. Oltre alla ovvia funzione igienica, il vostro piccolo potrà rilassarsi, mentre mamma e papà entreranno in maggiore intimità con lui. Si tratta infatti di un momento quotidiano di coccole durante il quale il bambino rivivrà la sensazione di essere immerso nel liquido amniotico che lo ha accolto per nove mesi. I genitori invece potranno fargli sentire la loro vicinanza e tutto il loro amore.

Ci sono però alcune regole da tenere a mente, affinché tutto si svolga nel migliore dei modi.

Quando si può fare il primo bagnetto?

Anche nei primissimi giorni dopo la nascita. E’ consigliato aspettare la caduta dell’ultimo pezzetto di cordone ombelicale per evitare che si bagni tardando l’essiccamento. Prima di allora potrete lavarlo con una spugna morbida, imbevuta di acqua tiepida.

Che temperatura deve avere l’acqua?

La temperatura deve essere di 37°, simile a quella del corpo. Le nostre mamme la misuravano con il gomito, invece oggi ci sono a disposizione moderni termometri che vi permetteranno di misurarla alla perfezione. Infine, quando sarà pronta, sciogliete in acqua un detergente specifico. Anche la temperatura della stanza è importante, deve essere calda e confortevole.

Qual è l’ora migliore?

Il momento migliore è la sera, prima di cena. L’importante è che sia un momento gradevole, in cui anche la mamma è rilassata e non di fretta. Il consiglio è di farlo lontano dai pasti, per evitare che interferisca con la digestione. Inoltre, ricordate che il bagnetto ha un effetto rilassante che concilia il sonno del piccolo.

Cosa vi servirà.

E’ meglio utilizzare una vaschetta o una piccola bacinella, che consenta di immergere il bimbo fino alle spalle. Per il lavaggio non vi serviranno né spugne né manopole. Saranno sufficienti le vostre mani. Infine, procuratevi un accappatoio da bagnetto, per asciugare il vostro piccolo. Tamponatelo, senza strofinarlo.

Come lavarlo.

Tenetelo con un braccio e lavatelo con la mano libera. Una volta preparato l’occorrente, immergete il bambino in acqua, facendo passare il proprio braccio sinistro dietro le spalle del neonato e tenetelo per l’ascella. Il bimbo appoggerà la testa sul vostro avambraccio.

Quando sarà un po’ più grandino, attorno ai tre mesi, potrete utilizzare qualche giochino per farlo divertire.

La durata del bagnetto sarà a vostra discrezione, finché il bambino mostra di gradirlo. L’unica avvertenza è di controllare che l’acqua sia sempre della giusta temperatura.

Il vostro piccolo si divertirà durante il momento del bagnetto. Se invece al contrario, si mette a piangere o si irrigidisce, probabilmente significa che avverte qualche elemento di disagio, temperatura, schizzi o poca sicurezza da parte vostra. Trovate la causa e vedrete che con il tempo migliorerà.

Dopo il bagnetto.

Asciugatelo con cura con l’accappatoio da bagnetto, tamponando la pelle e facendo attenzione alle pieghe cutanee che non dovranno essere umide, perché possono irritarsi facilmente. Per asciugare le orecchie e altre parti delicate, usate un fazzoletto, da passare nel padiglione e non nel condotto. In inverno potrete appoggiare l’accappatoio da bagnetto qualche minuto sul termosifone, prima di avvolgerlo attorno al piccolo. Sarà una piacevole e calda coccola, per lui.

tutina-neonato

Usate la crema idratante solo se il vostro bambino ha la pelle molto secca, previo consulto con il pediatra che vi consiglierà il prodotto migliore.

Qualunque tipologia di pomata, anche quella da eritema da pannolino, va utilizzata solo su consiglio del pediatra. Se però volete fare un massaggio rilassante al vostro bambino potrete usare un po’ di olio di mandorle dolci.

0

Come far mangiare la verdura ai bambini

Far mangiare la verdura ai nostri bambini è sempre un’impresa da super mamme. Fortunatamente per i miei bambini io sono una super mamma che non solo ha super poteri ma si informa e si lascia aiutare da tutti i blog di cucina e abbigliamento bambini che danno molti spunti interessanti. La mia missione è rendere la verdura affascinante, stuzzicante, curiosa…così da entrare nei cibi preferiti dei bambini. Ho cominciato con una verdura “semplice”, dal sapore delicato e dalla consistenza morbidissima: i piselli. La mia idea era quella di abbinarli a qualcosa che i bambini amano, il pollo. Carne bianca, semplice e leggera da digerire è una delle carni che i bambini amano di più mangiare sopratutto se si crea una ricetta che non lo faccia diventare troppo secco . La mia ricetta prova ha visto lo sposalizio di questi due alimenti che hanno riscosso non poco successo. Ho cominciato marinando il bocconcini di petto di pollo con il latte, uno yogurt bianco magro e il sale e un cucchiaino di miele, anche dalla sera prima. Nel frattempo in una casseruola ho fatto soffriggere la cipolla tagliata a pezze piccolissimi, quasi tritata, con 2 cucchiaini di olio. Si aggiungono i piselli, vanno bene quelli surgelati, meglio naturalmente quelli freschi, ma ci adeguiamo ai tempi delle mamme che lavorano. Ho messo, una volta appassiti i piselli, i cubetti di prosciutto un bicchiere di brodo vegetale, bastano una carota, una zucchina e un pomodoro. Io non amo salate e pepare troppo per i bambini, ma per i grandi si ci più sbizzarrire. Una volta inteneriti i piselli si aggiungono i bocconcini di pollo nella stessa padella, aggiungete ancora un po di brodo se risulta troppo secco, e servite quando il pollo si colora. Ho servito il secondo in bei cocci bianchi e i miei figli hanno gradito molto…ringraziando Aliko Abbigliamento, il sito di abbigliamento bambine che con i suoi post su Facebook mi da sempre spunti nuovi, se provate fatemi sapere!!!

pollo-piselli-aliko

0

L’alimentazione giusta per l’esposizione al sole

Sta arrivando l’estate e, anche se per adesso il freddo continua ad imperversare, il sole arriverà spesso a scaldare i nostri visi…o a bruciarli! Ritorna il dilemma estivo: mi espongo o no? Quando si tratta noi nostri piccoli non ci sono dubbi: proteggere e prevenire! La prevenzione è la parte del lavoro più difficile, ma anche quella che ha maggiore durata e efficacia nel tempo, in questo caso la prevenzione riguarda l’alimentazione che facciamo e il tipo di abbigliamento bambini che decidiamo di adoperare. La maggior parte delle vitamine che ci servono per rafforzare la nostra pelle contro i raggi troppo violenti per il sole si trovano in alcuni alimenti che adesso di virò. La vitamina D è quella da ricercare. Nonostante sia consigliata un’esposizione ai raggi solari di circa 20 minuti al giorno di mani e viso, molte persone presentano carenze di questa vitamina , è importante quindi esporti al sole in alcuni orari specifici, in particolar modo se portiamo al mare bambini e neonati: gli orari migliori sono la mattina presto fino alle 10 e il pomeriggio dopo le 17…sono anche i momenti in cui la spiaggia è più tranquilla così che i bambini possono giocare in completa libertà senza dai fastidio a chi va in spiaggia per dormire…Tra gli alimenti possiamo iniziare da quelli ricchi del famoso beta-carotene che agisce nel nostro organismo  svolgendo un’azione prevalentemente antiossidante e trasformandosi in vitamina A, preziosa vitamina per la vista e per proteggere la pelle dall’invecchiamento. Ne sono certamente ricchi frutta e verdura come: le albicocche, i cachi, i meloni, le pesche, le arance, l’avocado, le carote, i pomodori, la zucca gialla, i peperoni rossi ma anche verdure a foglia verde come gli spinaci, i broccoli, le rape e la cicoria. È contenuto infine in altri alimenti di colore giallo come il mais e la curcuma. Anche grazie ai cereali possiamo proteggerci, come con il miglio che, oltre alla pelle, rinforza anche le unghie ed i capelli, il  grano integrale, sotto forma di pane con lievito madre, germogli, come chicco nelle zuppe invernali e nelle insalate fredde…

cicerchia_castelluccio

 

0

Le novità della moda neonato: da Gucci a Disney

Le novità del mondo dell’ abbigliamento neonato sono sempre dietro l’ angolo. Ad oggi tutte le più grandi marche di abbigliamento per i più piccini hanno elaborato al loro interno delle collezioni per vestire anche i più piccini. Non si tratta così solo di semplici tutine per neonato o di vestitini come siamo soliti essere abituati a vedere, si tratta dei veri e propri capolavori di arte stilistica e tessile. Se pensiamo ad esempio ad un marchio come Gucci per esempio non possiamo di certo pensare ad un capo semplice e poco costoso. Ebbene anche questo marchio così di alta moda ha pensato ai più piccini proponendo per il prossimo autunno inverno una collezione interamente dedicata all’ abbigliamento bambini. Si tratta di veri e propri piccoli capolavori che quasi quasi fa paura ad far indossare ai piccoli bambini che poi alla fine rischiamo di ritrovare questi capi sporchi o rotti. Un marchio che da sempre fa scintille nel mondo dell’ abbigliamento per i più piccoli è certamente l’ abbigliamento Disney neonato. Il marchio Disney per la moda ha previsto un abbigliamento per un settore abbastanza ampio, si va dall’ abbigliamento dei neonati e delle neonato per arrivare all’ abbigliamento per i bambini e all’ abbigliamento per le bambine e finire con l’ abbigliamento dei teenager e delle teenager. Insomma è uno di quei marchi che non tramonta mai di moda e che si occupa della ricerca di tessuti per tali capi di abbigliamento prettamente per i più piccoli. Tutti adorano i personaggi della Disney che diventano protagonisti sulle magliettine o sui completini dei bambini così da rallegrare tutti gli abbigliamento. In questo modo anche andare a fare shopping con i propri bambini diventa un momento piacevole perché anche per loro c’ è qualcosa di bello da poter scegliere senza sentirsi annoiati dallo shopping.

tutina-neonato

0

Collezioni 2013 per i Neonati: la moda in miniatura

La moda è un mondo in continuo mutamento e cambiamento. Cerca sempre di andare incontro a tutti, grandi e piccini. Per le collezioni moda dell’ abbigliamento neonati 2013, le idee e gli spunti sono a portata di mano per tutti. La moda neonati ci offre l’ opportunità di vestire i nostri bambini facendo attenzione a seguire comunque tutte le mode del momento. Stampe dai colori primaverili, modelli leggeri che ricordano i vestitini d’ altri tempi, tagli semplici ma con un tocco di eleganza che contraddistinguono case di moda di tutto il mondo. Dalle grandi sfilate all’ armadio dei nostri piccoli la prima attenzione va alla comodità e alla qualità dei piccoli abiti, sempre più volentieri le firme più importanti dell’ abbigliamento dei più piccini guardano alla moda dei più grandi per lasciarsi ispirare, e creare così una sorta di miniatura di stile, sia nelle forme che negli accessori. La moda per i più piccini vede protagonisti i colori dell’ estate con una particolare attenzione alla scelta di tessuti che rispettano l’ ambiente e non fanno allergie, proprio come il negozio di abbigliamento on line Aliko Abbigliamento. Uno stile semplice ma simpatico, l’ uso dei dettagli baby sempre indispensabile, caramelle e animali a volontà sulle stampe su sfondi delicati e color pastello.

 

0

Scegliere l’Eco-Chich anche per la moda bimbi

Colori, dettagli luminosi, stringhe e cuciture innovative oggi accolgono nel mondo della moda anche la tendenza ad usare un tipo di tessuto che sia eco, o che si suol dire nel mondo dello stile: Eco – Chich. Questi tessuti segnano una svolta non solo per i capi di abbigliamento di adulti, ma anche, in modo particolare, per l’ abbigliamento bambini e l’ abbigliamento neonati. Quando le mamme vanno a fare shopping non possono non notare la qualità e la semplicità di un capo prodotto con fibre tessili naturali. La fibra tessile è l’ unione degli elementi fibrosi che, per il loro ordine, per la loro dimensione, per la loro robustezza e la loro flessibilità, hanno la capacità di combinarsi, in fili che sono si molto fini ma che sono anche abbastanza tenaci e elastici così da essere adoperati nell’industria tessile e dell’ abbigliamento. Questo tipo di tessuti permette non solo una lavorazione che usa solo tecniche naturali, che magari risalgono a tecniche antiche riprese e riutilizzate, in più permettono un’ utilizzo migliore, in modo particolare se abbiamo a che fare con persone che hanno un’ allergia. I tessuti naturali nell’ abbigliamento bambini, ad esempio, è estremamente importante. Non solo perché permette al bambino una elasticità e un confort nei movimenti, ma anche perché usare abiti composti da tessuto naturale non sviluppa allergie cutanee, così frequenti tra i bambini, in particolare nei neonati. L’ attenzione nell’ acquisto quindi è estremamente importante.

allergia bimbi_166341070_n

0

Le nuove tendenze della moda Bambini

Focus cerimonia: le nuove tendenze della moda Bambini.

Matrimonio, battesimo, comunione: scegli il look giusto.

E’ arrivato l’invito, a maggio si va ad una comunione. Dopo l’invito comincia a scattare nella testa delle
donne, il fatidico interrogativo, cosa mi metto? Nella testa delle mamme l’interrogativo è doppio il
primo cosa mi metto, il secondo cosa si mette mia figlia? Il look è importante, ogni occasione richiede
l’abbigliamento giusto. Poi vogliamo aggiungere il piacere di comprare un capo nuovo da poter indossare il
giorno dell’evento a cui dobbiamo partecipare. Indescrivibile, i pensieri vanno da soli, si svogliano riviste, si
cerca di capire quali sono le tendenze, per non essere fuori luogo, si visitano siti di shop online, per cercare
il capo fatto ad per noi. Cercando scopri che c’è uno shop online anche per la tua bambini, salti di gioia,
urla di felicità, emozione indescrivibile. Il piacere di scorrere un catalogo on line di capi di abbigliamento è
una gioia infinita, che trionfa con l’acquisto. Forse esagero ma provate ad immaginare, un intera collezione
di abiti da bambina tutti a portata di un click, puoi vederli, rivederli, pensarci su tutto il tempo che vuoi,
non c’è fretta. Il mio preferito shop online per l’abbigliamento da bambina  se
visitate il catalogo dedicato agli abiti da cerimonia…mi darete ragione per le meraviglie che i vostri occhi
vedranno.

La moda bimbo per le cerimonie propone soprattutto abitini, morbidi , fantasiosi, colorati. Per una
cerimonia non rinuncerei per le bambine ad abiti coloratissimi nelle nuove tonalità pastello, dal verde
acido, al rosso corallo passando per il giallo pallido. Per la scelta del look giusto molto dipende dalla
location della cerimonia: ristorante, villa per eventi, agriturismo. Optate a seconda del luogo della
cerimonia per uno stile di vestito diverso, più romantico per la cerimonia tradizionale al ristorante, uno stile
anni’50 con il taglio a trapezio e multi color per una cerimonia all’aperto, per l’ agriturismo va benissimo
un look più casual scegliendo anche le primaverili fantasie a fiori o a farfalle. Che look preferisci per la tua
bambina?

0

Moda Bimbo vestire i bambini con l’abbigliamento giusto

Vestire i bambini con l’abbigliamento giusto, realtà o utopia?

Non sempre è facile trovare capi di abbigliamento che vestano i bambini come bambini.

Sono una appassionata di moda e di fashion, e da quando sono diventata mamma la mia passione si è riversata anche sulla moda bimbo. Quello che noto riguardo le tendenze dell’abbigliamento bambino è che sempre più griffe della moda degli adulti si sono aperti un settore commerciale nella moda bambino, a mio modestissimo parere, senza apportate grandi novità, ma semplicemente adattando la moda dei grandi a quella dei più piccoli.

Dati i grandi nomi e le grandi potenzialità economiche e pubblicitarie di questi brand, oscurano i piccoli e medi brand che producono solo per i più piccoli, creano solo per i bambini, pensano una moda per i bambini e uno stile a misura di bambino.

Cosa vogliono indossare i bambini? Cosa Amano?

Sono domande semplici alle quali sarebbe anche semplice rispondere. Basterebbe osservarli da vicino, vedere come trascorrono le giornate, quali sono le attività che svolgono, per scoprire il loro abbigliamento giusto, adatto alle loro occasioni d’uso. Certo alcune bambine sono vezzose, vanitose, vorrebbero vestirsi come la mamma, ma sono sempre bambine che preferiscono la libertà e la comodità di giocare, correre, e divertirsi. I bambini sono bambini perché ingessarli in un abbigliamento da adulti. Solo a me piacerebbe ancora vestirmi da ragazzina? I colori, le fantasie, i completini, le t-shirt con il loro personaggio dei cartoons preferito. Perché rinunciare a tutto questo? Il consiglio che vi do mamme andate alla ricerca dell’abbigliamento giusto per il vostro bambino, non vi accontentate, cercate capi di qualità. I bambini sviluppano i loro gusti e le loro tendenze da subito, non deviamole perché la pubblicità ci presenta altri modelli a cui adeguarci…anche con la scelta dell’abbigliamento aiutiamo nostro figlio a maturare e a sviluppare la sua personalità. Scegli i vestiti da bambina giusti !!!

0

Primavera 2013: Allergie e starnuti in vista

Quando i nostri bambini hanno l’ allergia, non basta una semplice canzone per bambini ad alleviare i fastidi, si perché arrivata la primavera si fanno anche vive tutte le allergie che colpiscono ormai grandi e bambini. Ma che come mai si manifesta proprio in primavera? L’allergia è una forma di difesa che il sistema immunitario svolge per combattere agenti patogeni che in teoria non sono cattivi. Il corpo di chi è allergico e risulta essere soggetto a questo genere di malessere è probabilmente più delicato quando entra in contatto con tali fattori, così il corpo reagisce come se dovesse combattere l’influenza e quindi come se dovesse proteggerlo partendo al contro attacco e facendo dando così sfogo a tutti i classici sintomi dell’ influenza: raffreddore e starnuti molto frequenti, arrossamento agli occhi con gonfiore e prurito, irritazione alle vie aeree inferiori, come gola e palato, dermatite allergica e orticaria etc etc. I miei bambini ad esempio sono allergici ad alcuni tipi di frutta: pesca e melone. Nonostante a loro piaccia molto la frutta tendo ad evitare di comprare questo genere di alimenti proprio per evitare che possano di entrare in contatto con loro. Un’ allergia molto comune è quella ai tessuti. Esistono alcuni tessuti di vestiti da bambina che sono fatti con alcuni agenti che risultano essere allergici quindi quando si fa a fare shopping bisogna fare attenzione alla composizione del capo di abbigliamento per bambine che stiamo scegliendo.